HimoVie, premiati a Palermo i vincitori del concorso dedicato alle scuole secondarie

0
99

La premiazione del concorso HimoVie ha chiuso la seconda edizione di “Oggi si recita l’Hiv” , la campagna di prevenzione su Hiv e malattie sessualmente trasmissibili svoltasi a Palermo, presso il liceo scientifico statale Galileo Galilei.

«Con questa campagna, Palermo ha visto l’importante collaborazione tra diversi attori su un tema importante come quello dell’Hiv, e della prevenzione sanitaria: la scuola palermitana si è inoltre distinta come luogo di trasmissione e fruizione di nozioni e come luogo di cittadinanza», è il soddisfatto commento di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo.

Il progetto “Oggi si recita l’Hiv” è stato promosso da Arcobaleno Onlus e realizzato in collaborazione con Anlaids Lazio e Lombardia e Nps Italia e con il contributo non condizionato di Gilead Sciences.  La campagna è stata costituita da un insieme di attività rivolte ai ragazzi della scuola media superiore: uno spettacolo teatrale dedicato alle scuole secondarie e portato in scena in diverse città italiane, canali social dedicati all’informazione e alla divulgazione di testimonianze e notizie sul virus dell’Hiv e, infine, il concorso a premi HimoVie.

Oltre al concorso, sono previsti degli spettacoli teatrali in cui sono messe in scena storie di vita di giovani sieropositivi ed esperienze di chi vive la patologia.

Il concorso prevedeva la realizzazione di lavori che comunicassero la percezione che gli studenti e gli insegnanti partecipanti hanno della malattia e dei temi ad essa legati: i molti progetti presentati sono stati esaminati da un’apposita giuria, in prima battuta. I lavori considerati più significativi sono, poi, stati postati sui canali social del progetto, tra cui il sito ufficiale: i like ricevuti dai vari progetti hanno contribuito a formare la classifica finale per il premio del pubblico. I vincitori delle diverse categorie si sono aggiudicati dispositivi tecnologici e strumenti utili per lo svolgimento dell’attività scolastica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here