Campagna in difesa dei farmaci omeopatici

0
1011

“L’Europa ha riconosciuto la validità e la specificità dei medicinali omeopatici e ha richiesto ai Paesi membri di registrarli con una procedura semplificata, diversa da quella per i medicinali tradizionali. Ma in Italia, a causa di procedure eccessivamente complesse e di costi altissimi per la registrazione, molte delle terapie omeopatiche da decenni sul mercato, potrebbero non essere più disponibili”.
Questa è l’ultima denuncia di Omeoimprese, l’associazione delle aziende produttrici di medicinali omeopatici che si prefigge di tutelare gli interessi generali nella diffusione dei medicinali omeopatici e antroposofici.
Dopo la richiesta d’incontro al ministro Lorenzin del giugno scorso in cui l’associazione dichiarava: “Il mondo dell’omeopatia è in allarme per le gravi conseguenze sull’industria omeopatica del Decreto Ministeriale del 15 marzo scorso, che ha aggiornato le tariffe dovute ad Aifa. Finora non è stato possibile chiarire i motivi che hanno portato ad aumenti di 700 volte delle tariffe di registrazione e rinnovo già previste”, ora Omeoimprese lancia l’iniziativa Omeocom. Si tratta di una petizione pubblica denominata “Insieme per l’omeopatia” in cui l’associazione invita i cittadini ad apporre una firma “in difesa dell’omeopatia e dei suoi farmaci” e “per far sì che l’Agenzia Italiana del Farmaco favorisca l’effettiva registrazione semplificata dei medicinali omeopatici attualmente presenti sul mercato; non imponga regole inadeguate e costi sproporzionati che limiterebbero ed escluderebbero moltissimi farmaci, impedendo di fatto ai cittadini la libertà di scelta terapeutica, un principio fondante il Sistema Sanitario Nazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here