Cinque consigli per un’efficace strategia di pricing

0
875

Una corretta gestione dei prezzi e delle promozioni, ossia una strategia di pricing efficace, è fondamentale per il titolare, o il manager, della farmacia

Nella fornitura di medicinali ai pazienti e al pubblico, i farmacisti sono tenuti a fornire informazioni pertinenti, accurate, aggiornate e appropriate sulla natura, il costo, il valore e i benefici di qualsiasi medicinale, prodotto e servizio relativo alla salute. Pertanto, una pubblicità inappropriata o una promozione di medicinali basata solo sui prezzi possono interferire con la valutazione oggettiva del farmacista o il suo giudizio professionale in relazione ai bisogni del paziente: i prodotti medicinali non sono normali merci ma, con alcune limitate eccezioni, prodotti regolamentati che potrebbero non essere forniti senza il beneficio del parere di un farmacista in merito al loro uso sicuro, appropriato e responsabile. Inoltre, la pubblicità o la promozione di medicinali sulla base di percentuali o altri sconti, o in qualsiasi altro modo simile, può essere considerata come la mercificazione dei medicinali e può avere l’effetto di distrarre i pazienti dal fare una valutazione obiettiva delle loro esigenze.

Ciò potrebbe incoraggiare inavvertitamente lo stoccaggio di medicinali in casa con conseguenti rischi per la sicurezza e la potenziale perdita di efficacia da condizioni di conservazione inadeguate. In particolare, non è appropriato promuovere dei farmaci perché stanno raggiungendo la data di scadenza. Come adottare, allora, una strategia di pricing efficace? Iniziamo con le nozioni di base: il punto di partenza deve essere l’integrità dei dati relativi ai prodotti in vendita in farmacia; ogni prodotto dovrebbe avere un profilo con quante più informazioni possibili, inclusi campi come costo, vendita al dettaglio, descrizione, fornitore e numero di item del venditore. Senza queste informazioni non avete nulla su cui basare la vostra strategia di prezzo. Vediamo ora cinque consigli pratici.

1. Impostate i margini target

farmaciaMolti dei vostri prodotti hanno un prezzo di vendita al pubblico consigliato ma è comunque importante impostare un margine target per tali prodotti. Questo obiettivo potrebbe essere diverso per prodotto o reparto. (Ad esempio, i prodotti con marchio privato offrono generalmente un margine più elevato). Dovrete considerare i prezzi della concorrenza e i costi operativi. Potrebbe essere un compito arduo iniziare ma avere il margine target vi aiuterà a identificare meglio eventuali problemi con la vostra strategia di prezzo e sapere se state raggiungendo i vostri obiettivi.

2. Gestite gli aggiornamenti dei prezzi

Tutto il lavoro che fate per impostare i record di prodotto e creare i margini target non serve a molto se non si mantengono tali record. Se i costi cambiano, è necessario saperlo in modo che i prezzi dei prodotti possano essere aggiornati di conseguenza. Rimanere aggiornati è importante, sia per mantenere i margini quando i costi aumentano, sia per rimanere competitivi quando i costi scendono.

3. Promuovete la farmacia indentificando il pubblico di destinazione delle offerte

Occorre identificare il pubblico a cui indirizzare lo sforzo di marketing. Prendete in considerazione la possibilità di collocare la pubblicità in case di cura, studi medici, dipartimenti di risorse umane per grandi aziende e imprese limitrofe, organizzazioni legate alla salute. La pubblicità (volantini, giornali, radio o altre piattaforme)  è utile per informare i clienti delle offerte speciali.

4. Offrite qualcosa di speciale

Attirate i clienti con l’offerta di qualcosa di speciale: informazioni sanitarie gratuite, un oggetto utile gratuito (ventagli in estate o borse della spesa riutilizzabili).

5. Stabilite un calendario

Le attività promozionali devono essere calendarizzate. Un esempio? Marzo o aprile sono la stagione delle allergie; ottobre è la stagione fredda e dell’influenza; luglio e agosto sono ideali per i prodotti solari; a settembre si punta al target bambini; a gennaio si possono promuovere abitudini salutari ecc.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here