Il farmacista e il web, le due fonti per un “primo soccorso”

0

Siamo di fronte a due situazioni “uguali e contrarie”. Da una parte il consiglio del farmacista, dall’altra il web.

Di fronte a una malattia, soprattutto nell’ambito dell’autocura, i consumatori scelgono 2 strade. Il consumatore “tradizionale” sceglie il rapporto diretto con il farmacista. Qui poco da aggiungere. L’approccio è noto. Il consumatore “evoluto” e indipendente ricerca, invece, il consiglio sul web.

“Dottor Internet”, una parola per indicare un fenomeno in forte espansione: la risoluzione dei problemi di salute online, o perlomeno il tentativo di farlo. Fenomeno che sta prendendo sempre più piede oggi, nella società moderna, grazie anche al forte cambiamento nella relazione degli utenti e internet. Si determina l’abitudine di affrontare autonomamente i piccoli problemi di salute che possono presentarsi. È un comportamento già molto diffuso all’estero e in crescita costante in Italia.

Basta un click per evitare file interminabili dal medico e liste d’attese sempre più lunghe. Ma qual è il motivo principale di questo avvenimento?  Si può attribuire un ruolo in questo processo sia alla crisi economica sia alla vita frenetica che i più conducono! La prima, infatti, rende impossibile il ricorso a visite specialistiche a causa dei costi, spesso poco accessibili, e alle interminabili liste d’attesa (costi per i quali comunque si pagano le tasse a cui non corrisponde la qualità sperata). La seconda riguarda la mancanza cronica di tempo da dedicare a sé stessi. Le giornate sono dei veri e propri percorsi di sopravvivenza e pertanto il “fai da te” diventa una soluzione utile.

Alla luce di queste considerazioni è necessario specificare che la professionalità e il rapporto diretto tra professionista e paziente /consumatore non hanno prezzo!

Come conciliare allora due mondi così apparentemente lontani? È fondamentale capire che l’informazione sul web non va a discapito del parere dell’esperto. Gioca un ruolo sinergico di approfondimento del contesto, aiuta a dare informazioni aggiuntive, per esempio, sugli stili di vita, sul benessere della persona affetta da quella ben definita patologia, fornisce consigli di vita quotidiana e così via… Questa è la chiave di lettura con la quale il binomio può e deve reggersi. Nessun “tiro alla fune”, quindi, tra due parti contrapposte, ma una direzione univoca da prendere seppur con strumenti differenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here