Dalla medicina tradizionale una pianta con duplice effetto antitumorale

0
424

La medicina tradizionale asiatica e sudamericana utilizza da secoli la salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus). Uno studio rivela come questa pianta possa rappresentare un alleato prezioso contro i tumori. L’estratto di salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus) si è infatti dimostrato in grado di indurre la morte immunogenica di cellule di tumore del colon e del retto. Indurre la morte cellulare immunogenetica significa uccidere le cellule tumorali attivando al tempo stesso i meccanismi di difesa del sistema immunitario.

La scoperta potrebbe portare alla preparazione di nuovi farmaci per la lotta contro il cancro.

salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus), pianta usata dalla medicina tradizionale dell'Asia e del Centro e Sud America, ha mostrato di indurre la morte immunogenica di cellule di tumore del colon e del retto
La salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus), pianta usata dalla medicina tradizionale dell’Asia e del Centro e Sud America, ha mostrato di indurre la morte immunogenica di cellule di tumore del colon e del retto

Lo studio è stato realizzato da un gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita coordinato da Carmela Fimognari e attivo al Campus di Rimini dell’Università di Bologna, in collaborazione con ricercatori dell’Università di Basilea (Svizzera). È valso a Elena Catanzaro, assegnista di ricerca dell’Università di Bologna che ha condotto lo studio, uno dei premi annuali consegnati della Società Italiana di Farmacologia e da Farmindustria.

I risultati dello studio sugli effetti della salsapariglia indiana in ambito oncologico sono stati pubblicati su Oncotarget in un articolo con titolo “Hemidesmus indicus induces immunogenic death in human colorectal cancer cells”. Gli autori sono: Eleonora Turrini, Elena Catanzaro, Manuele G. Muraro, Valeria Governa, Emanuele Trella, Valentina Mele, Cinzia Calcabrini, Fabiana Morroni, Giulia Sita, Patrizia Hrelia, Massimo Tacchini e Carmela Fimognari.

Proprietà della salsapariglia indiana

La salsapariglia indiana è usata nella medicina ayurvedica in India e dalle popolazioni indigene del Centro e del Sud America per curare diversi tipi di disturbi.

«La medicina tradizionale ne consiglia l’uso sotto forma di decotto della radice – spiega Elena Catanzaro. – Si tratta di un rimedio utilizzato da secoli in diverse parti del mondo e per questo abbiamo voluto analizzarne le caratteristiche in modo scientifico, utilizzando gli strumenti avanzati a nostra disposizione. Le prime scoperte interessanti su questa pianta sono arrivate già negli scorsi anni: con una serie di articoli abbiamo mostrato che Hemidesmus indicus è in grado di proteggere il DNA delle cellule da lesioni potenzialmente cancerogene. Con questa nuova ricerca, per la prima volta, abbiamo messo in luce come la salsapariglia indiana abbia anche la capacità di combattere attivamente i tumori».

«L’estratto di Hemidesmus indicus – spiega Elena Catanzaro – ha un duplice effetto antitumorale: da una parte è in grado di uccidere le cellule tumorali e dall’altra fa sì che le cellule morenti siano riconosciute dal sistema immunitario, provocando così la naturale attivazione dei meccanismi di difesa dell’organismo. Si tratta di un fenomeno noto come morte cellulare immunogenica, e la salsapariglia indiana è l’unico prodotto di origine naturale capace di provocarlo».

«Questi risultati sono solamente un primo passo verso la realizzazione di un vero e proprio farmaco – precisa la ricercatrice – ma i dati che abbiamo ottenuto sono particolarmente promettenti: crediamo molto nelle proprietà di questa pianta».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here