Proprietà del frutto del Cupuacu

0
commons.wikimedia.org

Theobroma grandiflorum (famiglia Sterculiaceae), comunemente chiamato Cupuacu o Cupuassu, è un albero ampiamente diffuso nelle foreste pluviali amazzoniche e può arrivare fino ai 15-20 metri in altezza, sfoggiando tra le sue ampie foglie dei frutti marroni e lanuginosi, lunghi una ventina di centimetri e del peso di uno o due chilogrammi. Questo “frutto degli dei”, come viene appunto chiamato dalle popolazioni indigene, porta a maturazione i suoi frutti nel corso della stagione delle piogge, tra gennaio e aprile, finché questi non saranno in grado di offrire al loro interno una polpa bianca, cremosa e dal sapore intrigante (ricorda in parte il melone e la banana, in parte il cacao di cui del resto è un parente stretto…).

Storia e tradizione

Brasile, Colombia, Bolivia e Perù rappresentano la patria naturale per questo succulento frutto. Proprio a causa del suo notevole potenziale economico, qualche anno fa, si è scatenata una vera e propria guerra commerciale o una specie di “biopirateria”, tra il governo brasiliano e una ditta giapponese che aveva tentato di appropriarsi del diritto di uso esclusivo della pianta e dei suoi frutti. Oggi è a buon diritto dichiarato da una legge brasiliana “frutto nazionale”.

Come si assume

Dal frutto maturo si estrae una polpa pregiata che viene impiegata in campo alimentare (dolci, gelati, cioccolato, succhi, puree…), nutraceutico (integratori in pillole per sportivi, anti-stress e anti-aging) e cosmetico (creme e lozioni idratanti/emollienti/elasticizzanti per viso e corpo).

Proprietà

Le popolazioni indigene dell’Amazzonia lo sfruttavano per favorire la crescita e irrobustire il fisico dei bambini, oltre che per alleviare i dolori addominali e persino i dolori del parto. La sua forza risiede in particolare nella teacrina, una xantina dagli spiccati effetti antiossidanti e antinfiammatori; tra le altre sostanze di rilievo scopriamo la quercitina (antiossidante e antitumorale), il kaempferolo (un polifenolo antitumorale e antibatterico). È inoltre ricchissimo in fibre, acidi grassi polinsaturi (in particolare omega 3), minerali (tra cui il ferro, potassio, calcio, fosforo) e svariate vitamine (A, C, E e del gruppo B).

Contribuisce a regolarizzare parametri metabolici, quali pressione sanguigna, colesterolo e glicemia; a mantenere il peso sotto controllo; a rivitalizzare il sistema immunitario e a modulare lo stress; a migliorare il buonumore e a mantenere giovani le nostre cellule!

Avvertenze

Tenere lontani gli animali domestici da tutto ciò che potrebbe contenere la pola di questo frutto: alcuni metaboliti in esso contenuti potrebbero risultare tossici per loro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here