Conto economico, come massimizzarlo

0

Confrontare fatturato e spese è un efficace modo per avere sempre sotto controllo l’andamento dell’attività. Ma come evitare di andare in negativo?

Il conto economico è un elemento fondamentale di ogni attività commerciale, farmacia compresa, perché è dalla sua valutazione che si capisce come gestire in modo più efficace il business, come prendere decisioni più informate e aumentare i profitti. Probabilmente, quando avete iniziato la vostra attività per aiutare i pazienti, non avete pensato di dover usare i fogli di calcolo. Tuttavia, non potete ignorare i dati finanziari che riguardano la vostra farmacia e che ne determinano o meno il successo. Come proprietario, dovete confrontare profitti e perdite, uno stato patrimoniale e un rendiconto finanziario al fine di comprendere quali parti della vostra azienda stanno funzionando e in quali, invece, dovreste essere più efficiente.

Che cos’è il conto economico

Il conto economico è un riepilogo mensile, trimestrale o annuale dei ricavi e delle spese di un’azienda e permette di rivedere il flusso di cassa e la redditività dell’azienda stessa. Dovrebbe seguire un formato coerente a consentire a un imprenditore di rivedere e monitorare le prestazioni finanziarie della farmacia.

Il formato dovrebbe essere il seguente:

  • calcolare l’utile lordo detraendo dai ricavi il costo delle merci vendute;

• verificare l’utile netto sottraendo dall’utile lordo le spese.

Si parte dalle entrate

Ogni elemento nel vostro conto economico è ugualmente importante, ma è dalle entrate che tutto ha inizio. Le entrate sono il fatturato, o le vendite se si preferisce, che la farmacia genera in un periodo di tempo. È importante notare che le entrate non sono un profitto, sono la voce del vostro conto economico da cui vengono sottratte le spese.

In farmacia, le entrate possono derivare dalle prescrizioni, dalla vendita di prodotti da banco o da servizi. Nella stragrande maggioranza delle farmacie, le prescrizioni costituiscono la più alta percentuale delle vendite; pertanto, è importante monitorarle e gestirle per garantire entrate adeguate. Va da sé, quindi, che l’attenzione dovrebbe essere rivolta all’aumento delle entrate e alla riduzione dei costi delle merci vendute. Questo consente di ottenere un utile lordo più elevato che, a sua volta, coprirà le spese operative come stipendi, affitto, utenze e simili.

Come aumentare le entrate della farmacia

A parità di spese, un aumento delle entrate comporta un aumento dei profitti. Esiste una serie di valide tattiche per incrementare le vendite. Eccone alcune:

  • diversificare l’offerta – oltre alle prescrizioni, offrite la più ampia varietà di prodotti possibili;
  • proporre servizi aggiuntivi – l’offerta di servizi e prestazioni diagnostiche può trasformare la farmacia in un centro capace di dispensare “salute”;
  • monitorare i rimborsi – verificare costantemente di essere adeguatamente rimborsati per i farmaci delle prescrizioni;
  • fornire suggerimenti – il personale della farmacia può consigliare ai clienti, per esempio, integratori che allevino effetti collaterali causati da alcuni farmaci o può incentivare vendite cross selling.

Costo dei beni venduti

In un’azienda al dettaglio, come una farmacia, il costo della merce venduta è semplicemente la spesa sostenuta per i prodotti che si acquistano da un fornitore e che vengono rivenduti ai pazienti o che si tengono a magazzino. Il costo delle merci vendute è una spesa, il che significa che viene detratto dalle entrate per determinare il profitto lordo.

L’importanza del costo delle merci vendute

Quando gestite correttamente il costo dei beni venduti potete avere un maggiore controllo sulla strategia di prezzo attuata per i prodotti non soggetti a prescrizione: entrate meno costo del venduto = utile lordo. Pertanto, valutando in modo adeguato quali articoli sono venduti dalla farmacia, è possibile generare più entrate. A seconda delle esigenze di una farmacia, è possibile acquistare prodotti più costosi, di marca o generici a basso costo. A prescindere dal mix specifico, è importante capire come vengono valutati questi articoli per garantire che i ricavi siano massimizzati rispetto agli articoli stessi. L’aumento o la diminuzione del costo delle merci vendute avrà un impatto sul profitto lordo. Se i vostri costi diminuiscono, il profitto probabilmente aumenterà; viceversa, quando i vostri costi aumentano, il profitto diminuirà.

Una corretta gestione delle scorte è una componente chiave per mantenere un sano costo dei beni venduti.

Limitare i costi, aumentare i margini

Più bassi sono i costi, maggiore sarà il profitto che genererete. Pertanto, una gestione accurata delle scorte è fondamentale, così come sapere quando e come acquistare un prodotto.

Esistono alcuni modi per ridurre il costo delle merci vendute, quali:

  • prezzatura – discutete regolarmente i prezzi con i fornitori per avere la garanzia che siano competitivi;

• mantenete adeguati principi contabili delle scorte – utilizzate un magazzino just-in-time a vostro vantaggio ed evitate che tutta la liquidità si trasformi in prodotti sugli scaffali della farmacia. Monitorate costantemente le scorte, sia per quanto riguarda gli articoli a movimentazione veloce sia lenta;

• assicurate il controllo delle scorte attuate procedure adeguate per ridurre il rischio di scadenza o perdita di un prodotto;

• acquistate con saggezza – approfittate degli incentivi offerti dai vostri fornitori (come pagamenti con maggiori dilazioni, fiere, sconti per grossi ordini).

Quindi, il conto economico è un’istantanea nel tempo che riepiloga i ricavi, i costi e le spese sostenute durante un periodo specifico.

L’utilizzo di questo documento permette di individuare eventuali modifiche da apportare alla propria attività. Confrontate i dati con quelli di un bilancio precedente, analizzando le vendite, il margine lordo e il profitto lordo. Verificate per quale motivo esiste qualche differenza in negativo e cosa potete fare per correggerla. Potrebbe dipendere dal marketing o da altri fattori, come una riduzione dei prezzi. Infine, confrontate le spese operative per scoprire dove avete risparmiato o potreste risparmiare e apportate le modifiche necessarie per migliorare i ricavi (e l’immagine) della vostra farmacia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here