Il presidente di Fofi ha commentato i dati del rapporto ‘Health at a glance’

0

La spesa sanitaria ha ripreso a crescere a livello internazionale nel 2016, in media del 3,4% (dati Ocse) in parallelo alla generale ripresa dell’economia, ma è ancora molto lontana dalla crescita annua del 4-6% che era tipica degli anni pre-crisi, fino al 2009. Il rapporto Health at a glance 2018 dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) è stato da poco aggiornato con gli ultimi dati relativi al 2016 e indica anche l’Italia, insieme a Spagna e Portogallo, tra i Paesi che solo ora stanno faticosamente riuscendo a tornare vicino ai livelli di spesa pre-crisi (la Grecia rappresenta purtroppo un caso a se stante, avendo visto una diminuzione del 30% della capacità pro capite di spesa sanitaria).

Il consumo di beni e servizi relativi alla salute ha rappresentato in media nel 2017 l’8,9% del Pil globale, con variazioni molto marcate tra i diversi paesi. La spesa media pro capite ha superato i 4 mila dollari/anno, con picchi attorno agli 8 mila euro in paesi come gli Stati Uniti, la Svizzera, il Lussemburgo o la Norvegia. L’Italia si colloca appena al di sotto della media Ocse, mentre all’altro estremo, i valori più bassi (attorno ai mille euro) sono stati fatti segnare da Messico, Colombia e Turchia. Molto variabile è l’erogazione dai servizi da parte del governo o di servizi sanitari pubblici (olte l’80% in paesi come la Gran Bretagna, l’Islanda, la Danimarca o la Svezia, oltre naturalmente all’Italia) o tramite la copertura di assicurazioni private (oltre il 70% in paesi come la Germania, Francia, Giappone, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lussemburgo). I pagamenti out-of-pocket rappresentano in media un quinto della spesa sanitaria, secondo dati Ocse.

I commenti del presidente di Fofi

“I dati dell’Ocse confermano quanto da tempo sostengono i professionisti della salute italiani: il nostro Servizio sanitario, a quarant’anni dalla sua istituzione, sta subendo un grave sottofinanziamento” ha commentato il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli. Tra i problemi segnalati dal presidente di Fofi, anche la percentuale crescente delle persone che rinunciano alle cure e l’aumento della spesa privata, che nel periodo 2013-2017 è cresciuta quasi il 10%, raggiungendo i 37,3 miliardi. “E’ evidente che se non si inverte quella che ormai da anni è una tendenza, il perimetro dell’assistenza sanitaria andrà riducendosi al punto da compromettere i principi di universalità ed equità dell’Ssn. Già oggi, peraltro, vediamo come l’accesso alle cure e la loro qualità presentino significative variazioni tra Regione e Regione e all’interno delle singole Regioni”, ha aggiunto Mandelli.
Non meno sconfortante è il confronto con paesi come Francia e Germania, che hanno destinano a questo capitolo di spesa l’11,5 e l’11,3% del Pil, rispettivamente. “Il rapporto “Health at a glance” ci ricorda anche la necessità di razionalizzare l’uso delle risorse, visto che per l’Italia si stima una quota di spesa inefficiente pari al 19%” ha sottolineato Mandelli. Tra le proposte avanzate dal presidente di Fofi vi è il potenziamento delle cure sul territorio, dove i farmacisti e le farmacie di comunità possono dare un contributo importante.”Ma contemporaneamente non si può pensare di affrontare la sempre maggiore incidenza delle malattie croniche e i costi dell’innovazione farmacologica e tecnologica con un investimento pubblico costantemente inferiore alle necessità. Finora il sistema ha retto ma occorrono correttivi urgenti”, ha concluso Mandelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here