Il progesterone non è la soluzione all’aborto spontaneo

0

Uno studio ha evidenziato come l’assunzione di progesterone per via vaginale non aumenta le probabilità di mantenere la gravidanza nelle donne con alle spalle una storia di aborti senza spiegazione apparente.

gravidanza

Nella pratica clinica generalmente, si consiglia la somministrazione di un ovulo di progesterone direttamente in vagina alla dose di 200 mg per tutto il primo trimestre al momento di mettersi a letto: nello studio in questione, pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine, sono state reclutate 800 donne, tutte con almeno una storia di aborto inspiegabile alle spalle; in maniera casuale nel momento in cui sono rimaste di nuovo in stato interessante, hanno assunto o progesterone per via vaginale o placebo.

Il tasso di nati vivi si è rivelato pari al 65,8% fra le donne che hanno assunto progesterone e del 63,3% fra le donne che hanno assunto placebo; il progesterone non garantisce quindi il mantenimento della gravidanza.  Secondo le stime disponibili circa l’1% di tutte le coppie sperimentano aborti spontanei; rappresentano importanti fattori di rischio per la condizione il vizio del fumo, il consumo di alcol e droghe e la presenza di malattie su base autoimmune come diabete, lupus e disfunzioni tiroidee.

Gli autori dello studio hanno anche sottolineato come il progesterone, al di là della sua efficacia nel mantenimento della gravidanza,  non influenza la salute del nascituro, quindi può essere assunto con tranquillità quando si ritiene utile nei trattamenti per la fertilità; lo studio in questione ha preso in analisi solo l’uso di progesterone per via vaginale non è da escludere che la sua somministrazione per via orale o intramuscolare possa essere utile ai fini del mantenimento della gravidanza.

Il lavoro di ricerca, in ogni caso, ha preso in esame l’utilità del progesterone quando somministrato dopo l’accertamento della gravidanza, ma per il momento non è dato sapere, quale potrebbe essere la sua utilità se somministrato già prima del concepimento.

Coomarasamy A et al. A Randomized Trial of Progesterone in Women with Recurrent Miscarriages. N Engl J Med. 2015 Nov 26;373(22):2141-8. doi: 10.1056/NEJMoa1504927.

 

Articoli correlati:

In gravidanza non si deve mangiare per due

Antidepressivi nel terzo trimestre di gravidanza e problemi respiratori del nascituro

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here