Nuovi laboratori di ricerca a Nerviano

0

Actavis punta sull’Italia e investe 18 milioni di dollari (quasi 16 milioni di euro) per la costruzione dei nuovi Laboratori di Ricerca e Sviluppo e Controllo di Qualità a Nerviano, all’interno dell’area che attualmente ospita la sede italiana della multinazionale e lo stabilimento produttivo. Il polo scientifico, una volta completato, occuperà una superficie complessiva di 4.500 mq e ospiterà ricercatori e tecnici a supporto delle attività di Controllo Qualità e Ricerca e Sviluppo di Actavis. La struttura si dividerà in 4 aree diverse: Chimica Analitica, Microbiologia, Ricerca e Sviluppo e Area tecnica.

«Sono certa che l’evento costituirà anche una proficua occasione per riflettere sul tema della ricerca e innovazione e dimostra che c’è ancora spazio per avere fiducia e credere nelle potenzialità del nostro Paese. Il compito della ricerca è quello di spostare continuamente in avanti il fronte delle conoscenze in nostro possesso, esplorando nuove aree e producendo risultati innovativi ed è noto che in questo campo i nostri ricercatori si trovano in una posizione privilegiata», è la dichiarazione del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
«Spesso si dice che l’Italia non è più attrattiva per gli investitori, questa è una chiara smentita a questo luogo comune. È la prova che quando si incontrano persone dotate di professionalità e di consolidata esperienza e la voglia di costruire un progetto di lungo periodo, l’Italia è un ottimo luogo in cui investire» ha dichiarato la senatrice Emilia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato.
La realizzazione dei nuovi laboratori, che terminerà nel mese di ottobre 2016, rappresenta un importante progetto a sostegno dell’offerta mondiale di prodotti farmaceutici iniettabili messi a punto nel sito di Nerviano e della ricerca farmaceutica. Questo evento ha un impatto significativo sull’indotto dell’intero territorio. La realizzazione del nuovo polo scientifico rientra in una precisa strategia del Gruppo Actavis che vede nel sito di Nerviano una risorsa chiave per la produzione di iniettabili, un’area farmaceutica sempre più strategica per la crescita del Gruppo a livello globale.
«I nuovi laboratori testimoniano il nostro impegno nella ricerca e sviluppo e la nostra volontà a puntare sull’eccellenza», ha dichiarato Bogdan Oghina, Managing Director Iniettabili di Actavis Italia, «a oggi a Nerviano lavorano 480 dipendenti, di cui 100 sono stati assunti negli ultimi due anni. Questo investimento completa i circa 30 milioni di dollari che Actavis ha già investito in Italia e riflette la fiducia che la nostra società mostra nelle attività di Nerviano».
«Actavis ha deciso di investire sul sito italiano perché la qualità e la competenza che questa struttura ha raggiunto negli anni sono inequivocabili. A noi interessa la qualità e l’efficienza, e in Italia le troviamo entrambe», ha dichiarato Carlo Villalobos, Vice President Iniettabili e Biologici del Gruppo Actavis.
Nello stabilimento di Nerviano vengono attualmente prodotti ogni anno 30 milioni di dosi che vengono distribuite in oltre 60 Paesi nei diversi mercati (Europa, Africa, Pacifico, Stati Uniti, Canada, Centro e Sud America e Australia). Il portfolio comprende sia farmaci generici sia a marchio e sviluppa farmaci innovativi per il trattamento di patologie legate al sistema nervoso centrale, gastroenterologia, salute della donna, urologia, apparato cardiovascolare, respiratorio, antinfettivi e anche l’oncologia. Un portfolio destinato a crescere ancora. Actavis ha già approvato un piano di investimenti (9 milioni di dollari nel breve termine) per lo sviluppo di nuovi prodotti nell’ambito dei farmaci iniettabili, in cui il sito di Nerviano è un’eccellenza. Questo investimento nei prossimi anni potrebbe salire fino a 30 milioni di dollari complessivi, in funzione del successo dei nuovi prodotti.

Tiziana Azzani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here