Quel bruciore alla gola: riconoscere la tonsillite

0

I più colpiti dalla tonsillite? I bambini sotto i 10 anni, sia per via dell’alta trasmissibilità di virus e batteri nei luoghi chiusi e affollati di scuole/palestre, sia per il sistema immunitario, meno pronto a reagire. Ma anche anziani, immunodepressi e pazienti con patologie pregresse al sistema immunitario

In Italia, negli ultimi anni, circa il 2% delle visite ambulatoriali è stato causato dalla tonsillite. Questa patologia tende ad avere un andamento stagionale, con maggior prevalenza in inverno tra novembre e marzo, quando colpisce per lo più bambini e adolescenti, ma è diffusa anche d’estate soprattutto a causa del colpo d’aria condizionata.

tonsillite e mal di gola

La patologia tonsillare solitamente colpisce in acuto portando un forte dolore alla zona dell’orofaringe con conseguenti problemi di deglutizione, dolori alla fonazione e, a volte, febbre alta. La maggior parte delle tonsilliti è causata da infezioni virali, dagli stessi virus che d’inverno causano raffreddore, influenza e sindromi parainfluenzali. Sebbene la maggior parte dei casi si risolva entro una settimana, il dolore associato a bruciore e alla sintomatologia di raucedine, secchezza delle fauci, malessere generale e senso di stanchezza, può protrarsi nel tempo trasformandosi in tonsillite cronica, spesso associata a febbre bassa ma persistente. La principale differenza tra le due forme è l’intensità del disturbo, più impattante ma passeggero nel primo caso, più persistente e duraturo nel secondo. Il decorso della patologia in acuto generalmente è benigno entro 4 o 6 giorni, mentre in quella cronica può portare a sviluppare ipertrofia del tessuto tonsillare e può essere associata a un deficit del sistema immunitario di difesa. La tonsillite cronica può manifestarsi per più settimane consecutive, con sintomi che sembrano affievolirsi e poi riaccendersi, ma con una continua flogosi tonsillare di fondo, con presenza di edema o eritema peritonsillare persistente.

Il passaggio dallo stadio acuto a quello cronico solitamente si manifesta nell’età adulta e dipende dalla virulenza dell’agente patogeno, dallo stato di salute del soggetto e da eventuali terapie pregresse non adeguate ovvero da una non corretta diagnosi iniziale. Però, le forme croniche non devono essere confuse con le forme recidivanti, o ricorrenti, che invece tendono a presentarsi con frequenza elevata in età pediatrica, soprattutto in soggetti tra i 6 e i 12 anni. In questo caso, infatti, la tonsillite tende a manifestarsi con una sintomatologia simile a quella in acuto, con sintomi impattanti che si ripresentano da 4 a 6 volte l’anno. Come tutte le patologie a trasmissione aerea, anche la tonsillite vanta un’alta trasmissibilità. Infatti, durante la manifestazione dei sintomi in acuto, stadio della patologia associato al più alto rischio di contagio, è raccomandabile evitare di frequentare luoghi affollati, vicinanza con persone immunodepresse, bambini e anziani. La prevenzione è un’ottima risorsa per limitarne la diffusione: lavarsi le mani dopo aver tossito o starnutito, così come coprire la bocca con la mano o un fazzoletto durante gli attacchi di tosse sono regole di igiene basilari per limitarne diffusione e contagio.

Tonsille: cosa sono  e a cosa servono

Le tonsille sono organi di tessuto linfatico che solitamente hanno forma ovoidale e una grandezza pari a quella di una mandorla. Le tonsille palatine, coinvolte nell’infiammazione che causa il generico “mal di gola”, si trovano nell’orofaringe ai lati dell’ugola e sono particolarmente visibili nello stato acuto dell’infiammazione, cioè quando risultano ingrossate, rosse e doloranti. La presenza delle tonsille, sebbene nell’adulto questi organi vadano incontro a progressiva atrofia, ha un ruolo importante soprattutto nella prima infanzia: nei neonati il tessuto linfatico tonsillare svolge un ruolo protettivo completando l’azione difensiva del sistema immunitario sulle prime vie respiratorie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here