Diabete, una miniserie per il web racconta la convivenza quotidiana con la patologia

0

“È tutto un attimo” è il titolo della miniserie per il web a tema diabete presentata in questi giorni a Milano. L’idea per la miniserie è scaturita da un gruppo di utilizzatori di microinfusore, con l’obiettivo di raccontare la quotidianità di chi convive con questa patologia e di informare concretamente, scegliendo uno stile narrativo anche un po’ ironico.


I pazienti hanno selezionato i temi da affrontare, e li hanno interpretati come attori attraverso la messa in scena di piccoli spaccati di vita quotidiana. Si tratta di sketch che ripropongono in situazioni di tutti i giorni cosa significa la patologia, con un doppio scopo. Da un lato, avvicinare lo spettatore alla prospettiva del paziente; dall’altro, sottolineare l’impatto che la tecnologia può avere sulla qualità di vita, e ribadire il ruolo fondamentale del paziente stesso nella sua capacità di gestire la patologia e viverla come parte della propria esistenza.

L’iniziativa è stata realizzata grazie al supporto di Roche Diabetes Italia. Massimo Balestri, general manager della business unit, ha così commentato: «Siamo felici di aver supportato questo progetto, che intende tra le altre cose promuovere un importante messaggio: anche con il diabete, la qualità di vita è possibile, grazie all’attenta e corretta gestione della patologia. I pazienti hanno voluto riconoscere un ruolo chiave alle soluzioni messe a loro disposizione dalla ricerca scientifica, come i microinfusori di insulina». Nonostante in Italia il microinfusore rappresenti una delle frontiere più avanzate dell’innovazione per la gestione del diabete, la sua diffusione è tuttavia piuttosto ridotta: solo il 16% dei pazienti affetti da Diabete di tipo 1 è in terapia con microinfusore (come rivelato dallo studio condotto nel 2015 in 272 strutture e pubblicato su Diabetes Technology and Therapeutics).

La mini serie, in quattro puntate, per la regia di Sergio Rinaldi, la realizzazione di REENO Film e il montaggio di Francesco Polise, è stata pubblicata a partire dal 30 giugno sul sito ufficiale e sulla pagina Facebook dell’iniziativa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here