L’uso di benzodiazepine negli anziani non sembra aumentare il rischio demenza

0

Quanto la somministrazione degli ansiolitici, in particolare quelli appartenenti alla classe delle benzodiazepine negli anziani, possono concorrere alla definizione di un quadro di demenza? A questa domanda ha cercato di dare una risposta uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal.

anziani_farmaci

Gli autori dello studio hanno reclutato per il loro lavoro di ricerca 3.400 persone di età uguale o superiore ai 65 anni, nessuno affetto da demenza a inizio studio. Tutti sono stati seguiti per una media di 7 anni ed è stato valutato il loro uso di benzodiazepine: durante il periodo di studio il 23% dei pazienti componenti il gruppo iniziale ha sviluppato Alzheimer o comunque una forma di demenza: anche quelli con il più alto consumo di benzodiazepine, però, non hanno evidenziato una probabilità superiore rispetto agli altri di sviluppare demenza.

 Ti è piaciuto questo articolo? Rimani sempre informato con FarmaciaNews.it. 

Iscriviti alla newsletter

Secondo gli autori dello studio, dunque, non vi è un rapporto di causalità fra consumo di ansiolitici e sviluppo di demenza; la prescrizione di ansiolitici nei pazienti anziani tuttavia, non dev’essere fatta a cuor leggero. La somministrazione di tali farmaci, infatti, novera fra i principali effetti collaterali un aumento della confusione e anche una certa diminuzione nella prontezza di riflessi, fattori che possono esporre il paziente anziano a un maggior rischio cadute, con tutte le relative conseguenze in termini di morbilità e mortalità.

L’uso delle benzodiazepine in pazienti molto anziani, inoltre, espone sempre a un certo rischio di dipendenza e ritiro sociale che possono danneggiare l’autonomia del paziente e favorirne la già fisiologica, tendenza all’introversione.

I risultati di questo studio sono sicuramente da tenere in conto soprattutto in considerazione del fatto che la vendita degli ansiolitici è in costante aumento, in tutto il mondo come in Italia.

Gray SL et al. Benzodiazepine use and risk of incident dementia or cognitive decline: prospective population based study. BMJ. 2016 Feb 2;352:i90.

Articoli correlati:

La cura farmacologica dell’ansia

Rapporto Aifa sull’uso dei farmaci nei primi 9 mesi del 2014

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here