Vaccini influenzali per la stagione 2016-2017

0

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la determina dell’AIFA che autorizza i vaccini influenzali per la stagione 2016-2017, in accordo alle procedure registrative nazionale e di mutuo riconoscimento (Determina AIFA 1317/2016 e allegato).

Virus

Secondo la procedura Centralizzata dell’European Medicines Agency (EMA), Aifa comunica che sono stati registrati i vaccini influenzali Intanza (Sanofi Pasteur MSD SNC) e Fluenz Tetra (Medimmune LLC).

La composizione di tutti i vaccini influenzali per la stagione 2016-2017 segue le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e del Committee for Medicinal Products for Human use (CHMP) dell’EMA (EMA/CHMP/BWP/165983/2016).

Per la situazione climatica e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia, Aifa sottolinea che “il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è quello autunnale, in accordo alla Circolare del Ministero della Salute del 2 agosto 2016 (“Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2016-2017”)”.

A partire dalla metà di ottobre fino a fine dicembre, fatte salve specifiche indicazioni, che saranno fornite se particolari eventi legati ai vaccini e/o l’andamento epidemiologico stagionale dell’influenza lo richiederanno”.

La protezione indotta dal vaccino comincia circa dopo due settimane dalla vaccinazione e perdura per un periodo di sei – otto mesi per poi decrescere. Per tale motivo, anche quando la composizione dei vaccini rimane invariata rispetto alla precedente stagione, è necessario sottoporsi a vaccinazione antinfluenzale all’inizio di ogni nuova stagione influenzale.
“In accordo alla legislazione sulla farmacovigilanza, la segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo la somministrazione di un medicinale è importante, in quanto contribuisce al monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale”, sottolinea l’Agenzia. “Agli operatori sanitari”, ricorda Aifa, “è richiesto di segnalare qualsiasi sospetta reazione avversa osservata compilando l’apposita scheda. Tale scheda andrà poi trasmessa al responsabile di farmacovigilanza della struttura di appartenenza il cui indirizzo è disponibile sul sito web dell’AIFA”.

Anche il cittadino può segnalare direttamente gli effetti indesiderati al responsabile di farmacovigilanza della propria ASL tramite la scheda di segnalazione. Le schede di segnalazione per cittadini ed operatori sanitari sono disponibili a questo indirizzo.

Una app per la segnalazione delle reazioni avverse può essere scaricata a questo indirizzo.

Un ruolo importante nel limitare la diffusione dell’influenza è determinato da una buona igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie. È sempre buona norma coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, cambiare i fazzoletti e lavarsi le mani.

Articoli correlati:

Il 60% degli italiani cura l’influenza con farmaci di automedicazione

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here