Fofi: “Non è ammissibile ritardare oltre i provvedimenti a favore delle farmacie rurali”

0

“La decisione di non approvare alla Camera l’emendamento alla Legge di Bilancio che prevede l’aumento del fatturato di riferimento delle farmacie rurali che possono godere dell’agevolazione nei confronti del Servizio sanitario è un fatto gravissimo”, così si esprimono i massimi vertici della Federazione Ordine Farmacisti Italiani in un comunicato congiunto.

Andrea Mandelli
Andrea Mandelli, presidente Fofi

“Non è pensabile tenere nel limbo una questione di questa importanza”, spiegano i senatori Andrea Mandelli e Luigi D’Ambrosio Lettieri, rispettivamente presidente e vice presidente della Fofi, “dalla quale non dipendono solo gli interessi di una categoria ma la stessa sopravvivenza del servizio farmaceutico nelle aree del paese più penalizzate dal punto di vista geografico e socioeconomico”.

Una risoluzione “rinviata troppe volte”, nonostante, spiegano i due rappresentanti dei farmacisti, “esista la copertura economica del provvedimento – si tratta di 10 milioni di euro – e malgrado la questione sia già stata oggetto di un ordine del giorno del Senato a nostra firma puntualmente accolto. Il valore del ruolo sociosanitario delle farmacie rurali, confermato anche dai tragici fatti del terremoto in Centro Italia, non può essere messo in discussione e la sopravvivenza di questi presidi non può essere fatta dipendere, come è stato improvvidamente sostenuto da qualcuno,  dall’evoluzione del quadro politico”.

“Tutelare le farmacie rurali significa tutelare il diritto alla salute della collettività”, concludono, “ed è per questo che siamo determinati a ripresentare l’emendamento al Senato e a sostenerne con determinazione l’approvazione in un clima di maggiore responsabilità politica”.

 

Articolo correlato:

Approvata alla Camera la legge di bilancio 2017. Ora la discussione passa al Senato ma solo dopo il Referendum

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here