Calo delle vaccinazioni, la Sipps plaude alle iniziative volte a migliorare la copertura

0

“Il calo delle coperture vaccinali richiede l’immediata applicazione di meccanismi per invertire l’attuale tendenza e garantire in tempi rapidi l’innalzamento delle coperture vaccinali”. Lo afferma il Giuseppe Di Mauro, presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps), commentando i dati relativi alle coperture vaccinali a 24 mesi recentemente pubblicati dal ministero della Salute.

vaccinazione pediatrica

Per il secondo anno consecutivo si conferma un valore medio nazionale inferiore alla soglia di sicurezza del 95%, al di sotto del quale potrebbero riemergere infezioni da anni debellate, in grado di colpire non solo chi per decisione propria o dei genitori non è stato vaccinato, ma anche tutti quelli che non possono essere vaccinati per motivi medici, o perché troppo piccoli, o non hanno ancora completato il ciclo vaccinale, oppure non hanno risposto alla vaccinazione.

Per contrastare questo scenario lo scorso 23 novembre la Regione Emilia Romagna ha approvato una legge sui “Servizi educativi per la prima infanzia” che vincola l’ammissione al nido con la regolarità della copertura per poliomielite, difterite, tetano ed epatite B.

Dal 29 novembre 2016 Trieste è la prima città italiana a prevedere l’obbligo di vaccinazione antidifterica, antitetanica, antipolio e antiepatite B per i bimbi che frequentano i nidi (fascia di età 0-3 anni) e le scuole dell’infanzia (4-6 anni).

I genitori che nel 2017 vorranno far frequentare ai figli queste scuole dovranno presentare un “autocertificato di vaccinazione”.

In pari data la Regione Veneto, che nel 2008 aveva abolito l’obbligatorietà delle vaccinazioni, ha invece previsto delle misure straordinarie per il recupero delle coperture vaccinali senza reintrodurre l’obbligo. Le famiglie spesso hanno più la percezione dei rischi delle malattie”, aggiunge Di Mauro. “Occorre perciò dialogare con i genitori, ascoltare i loro dubbi e spiegare rischi e vantaggi delle vaccinazioni.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here